5 errori da evitare nell’apprendimento delle lingue

Mettiamo le cose in chiaro: se vuoi imparare una lingua, devi essere pronto a commettere tantissimi errori! Gli errori fanno parte del processo e sono spesso un’occasione per migliorarsi.

Ma ci sono delle tipologie di errori che commettono quasi tutti quelli che vogliono imparare una lingua, e che è meglio evitare, per rendersi la vita facile!

Di seguito ne vediamo 5:

1. Avere l’atteggiamento sbagliato

Il primo errore è spesso quello di avere un atteggiamento completamente sbagliato, e di avvicinarsi al mondo delle lingue con una lista piena di scuse. Prima di iniziare quest’avventura o appena dopo avere iniziato, cerchi di autoconvincerti che imparare una lingua sia un impegno troppo pesante, che le lingue sono troppo difficili, che non hai il tempo, che non sei bravo, o che non sei portato. E lasci perdere…

Cambia atteggiamento: le lingue non devono essere per forza difficili, e non hai bisogno di nessun superpotere per impararne una.  Metti tutte queste scuse da parte, e comincia ad imparare una lingua da subito, con costanza e pazienza, e con il metodo giusto per te!

2. Non avere un piano

Il secondo errore è quello di non avere un piano:

“If you fail to plan, you plan to fail”

Se cominci ad imparare una lingua senza sapere perché la impari, qual è il tuo obiettivo finale, e qual è il tuo piano specifico, è molto probabile che dopo qualche lezione perderai la motivazione, ti sentirai perso o non sarai contento dei risultati, e lascerai perdere… Mentre invece se hai un piano con degli obiettivi ben chiari e delle aspettative realistiche, questi ti faranno da bussola, e sarà più facile seguire il piano e continuare a studiare anche nei momenti più difficili.

Quindi all’inizio del tuo percorso, fai un piano, stabilisci i tuoi obiettivi e non avere aspettative eccessive.

3. Dare la priorità alla grammatica

Il terzo errore è quello di dare troppa importanza alle regole grammaticali, soprattutto all’inizio. La grammatica è importantissima, non fraintendermi, ma è possibile imparare le lingue anche senza soffermarsi su ogni singola regola grammaticale. Immagina se prima di fare una partita tra amici a calcio o basket dovessi studiare tutto il regolamento… Sarebbe noioso, no? Cominciare dalla parte noiosa, e costringersi ad imparare le tabelle delle coniugazioni può uccidere tutto l’entusiasmo di imparare una nuova lingua e trasformarla in un’esperienza negativa… Usa invece un metodo più intuitivo: prendi nota delle costruzioni, delle regole, e delle note grammaticali, ragionaci ma non imparare a memoria, e tornaci più avanti, ogni volta che hai bisogno di chiarimenti. Alla fine da bambino hai imparato a parlare prima di imparare a leggere i libri di grammatica, giusto?

4. Utilizzare materiale sbagliato

Il quarto errore è quello di utilizzare materiale sbagliato. Magari si utilizza un’app o un corso di lingua soltanto perché è gratuito o perché è molto popolare: il fatto che funzioni per gli altri non vuol dire che sia necessariamente il miglior corso anche per te… O magari hai scelto un corso molto caro, e quindi pensi che automaticamente debba funzionare molto bene. O ancora, pensi di dover necessariamente frequentare un corso di lingue e pagare un sacco di soldi… La realtà è che ognuno di noi impara in modo diverso, quindi dovrai provare diverse corsi o app, gratuiti e non, fino a trovare il metodo giusto per te. Non commettere l’errore di pensare che un solo libro o una sola app ti porteranno a parlare una lingua. Diversifica il tuo metodo: così facendo, stimoli costantemente il tuo cervello. E adatta il materiale su di te: ad esempio non imparare liste di vocaboli che non utilizzerai mai. Invece, personalizza queste liste con le parole o le frasi che userai spesso, come quelle che ti servono per descrivere il tuo lavoro, il tuo hobby o la tua famiglia.

5. Non parlare la lingua

Il quinto errore è quello di aspettare troppo tempo per cominciare a parlare la lingua che stai studiando. Ognuno ha un suo periodo “muto”, nel quale impara soltanto in maniera passiva finchè non si sente pronto per cominciare a parlare. Ma non dimenticare che imparare una lingua è comunicazione, e parlarla è un esercizio. Se non ti eserciti a parlare, non sarai mai pronto. Spesso quello che ti trattiene dal cominciare a parlare una lingua è la paura di fare degli errori. Credimi, non c’è paura più infondata! Come ti dicevo prima, gli errori fanno parte del processo di crescita: si sbaglia, si aggiusta il tiro e si impara. Non prendere i tuoi errori come una brutta figura o un brutto voto sulla pagella: non sei a scuola! Al contrario, accetta il fatto che per poter imparare a parlare una lingua straniera, dovrai commettere migliaia di errori. Così facendo, vivrai la tua sfida linguistica con una serenità maggiore. In fin dei conti, quante volte sei caduto quando imparavi ad andare in bicicletta? Alzati, impara dagli errori e continua a divertirti!

Cosa ne pensi? Fammelo sapere lasciando un commento in basso!

Non dimenticare di iscriverti alla newsletter per ricevere aggiornamenti, e di seguire Rafter’s Languages su Facebook, Youtube, Twitter, Google+, Instagram e Patreon!

About Raffaele Terracciano

Studente seriale di lingue, Blogger, Language Coach e Tour Leader. Viaggio in giro per il mondo attraverso i libri, le lingue, il cibo e, ogni tanto, viaggi veri. Attualmente in missione per raccogliere i pezzi della torre di Babele.